La qualità dei diamanti

Le 4Cs

Poiché i diamanti hanno un considerevole valore, è importantissimo avere un sistema di classificazione internazionale per compararne la qualità. Negli anni '40 e '50, il GIA (Istituto Gemmologico Americano) sviluppò le 4Ced il sistema di classificazione GIA per paragonare e valutare i diamanti in modo obiettivo.

Peso

Il carato è l'unità di peso dei diamanti che corrisponde a 0,200 grammi.Il peso di un diamante è strettamente correlato alle sue proporzioni. Quando un diamante è tagliato bene, la luce riflessa dalla tavola lo esalta al massimo. Inoltre, il peso di un diamante tagliato mare può essere nascosto dalle sue mal proporzioni, facendolo apparire più piccolo di quello che il suo peso potrebbe indicare. E' perciò possibile avere un diamante di peso inferiore ma tagliato molto bene che appare più grande di un diamante di maggior peso ma di proporzioni non corrette.

Purezza

La purezza è la misura del numero e delle dimensioni delle piccole imperfezioni che si riscontrano nel diamante, molte delle quali sono microscopiche e non influenzano in modo sensibile la bellezza di un diamante .I diamanti con il minor numero di imperfezioni rientrano nei gradi più alti.

Colore 

Con il termine colore ci si riferisce alla totale assenza di colore nel diamante.Prendendo come riferimento la scala GIA il colore D rappresenta il più alto grado possibile mentre il colore Z il più basso.Il colore nel diamante è un giallo pallido per cui meno colore ha più alto è il grado.

Taglio

Il taglio è la caratteristica più importante del diamante. E' ciò che maggiormente rappresenta la bellezza in generale del diamante. Determina ciò che definiamo come scintillio.

Delle 4C nessun'altra caratteristica influenza maggiormente la bellezza del diamante.

La qualità dei diamanti

© Florio Folini | Privacy Policy | Cookie Policy

designed by Pura Comunicazione